• Terra dei fuochi, test sui danni per 1500 volontari

    Dagli spermatozoi di millecinquecento uomini avremo una risposta attendibile a due angoscianti domande. vale a dire: esiste un nesso tra inquinamento ambientale e incremento delle patologie tumorali nella «Terra dei fuochi»? E, soprattutto, è possibile dimostrarlo scientificamente? Luigi Montano, dirigente medico Responsabile dell’ambulatorio pubblico di Andrologia della Asl di Salerno presso l’ospedale di Oliveto Citra, ha infatti messo a punto un progetto di ricerca - «EcoFood Fertility» - che mira proprio a questo: individuare, su base scientifica, la correlazione tra l’alto tasso di inquinamento ambientale e lo spaventoso aumento di varie patologie (in particolare tumorali) che si registra nell’area nord di Napoli e nel basso Casertano. Come detto, attraverso l’analisi degli spermatozoi - che per l’alta sensibilità agli inquinanti ambientali sono considerati bioindicatori del danno ambientale - il dottor Montano conta di dare, nel giro di due anni, le risposte alle inquietanti domande. Si sospetta, infatti, che la presenza di sostanze chimiche (quali metalli pesanti e diossine) nell’ambiente e negli alimenti riduca qualità e quantità degli spermatozoi e ne modifichi il dna. «Presto si avvierà il reclutamento dei 1500 volontari. Tutti uomini, ovviamente. Di età compresa tra i venti e i quaranta anni. Dovranno essere accomunati da una serie di caratteristiche. Prima tra tutte: devono risiedere, da almeno dieci anni, in tre diverse aree della Campania. Vale a dire ad alto indice di pressione ambientale, per esempio l’area di Acerra. A medio rischio, per esempio Sant’Agata dei Goti in provincia di Benevento. E basso rischio, Oliveto Citra in provincia di Salerno» annuncia Montano. E precisa: «I millecinquecento uomini dovranno inoltre essere perfettamente sani, non fumatori, non bevitori». I soggetti «sotto esame» saranno sottoposti alla valutazione di abitudini di vita e alimentari e all’analisi del sangue, tossicologiche, e del dna spermatozoario. Con il progetto «EcoFood Fertility» si intende, dunque, verificare se l’ambiente in cui si vive e le abitudini alimentari agiscano negativamente sul seme maschile. «Prima ancora della bonifica del territorio, è allora necessaria e soprattutto possibile una bonifica dell’uomo» ha dichiarato Montano. «Il progetto di ricerca - riprende il dottor Montano - si avvarrà della collaborazione dell’Istituto scienze dell’alimentazione del Cnr che ha sede ad Avellino, dell’Università di Torino, del Disba-Cnr. La seconda parte del progetto, invece, darà ai soggetti a rischio la possibilità di utilizzare la nutraceutica, che prevede l’utilizzo di alimenti benefici, nutrienti, per la salute umana come prevenzione e cura di alcune patologie» spiega, dal canto suo, la dottoressa Diomiria Luongo del Cnr di Avellino, che pure partecipa al progetto insieme alle asl che verranno coinvolte nel lavoro di ricerca. Presto nascerà un’associazione di scopo a cui parteciperanno comitati e associazioni territoriali. Per il reclutamento dei 1500 volontari saranno coinvolti anche i medici di famiglia.

MAKE A DONATION

SUPPORT OUR RESEARCH


ECOFOODFERTILITY THE FIRST PARTICIPATED RESEARCH PROJECT BORN TO VERIFY A SCIENCE-BASED LINK BETWEEN ENVIRONMENTAL POLLUTION AND HEALTH STATUS OF MAN IN THE LAND OF FIRES (AREAS BETWEEN NAPLES AND CASERTA) AND IN OTHER AREAS OF ITALY AND EUROPE WITH ENVIRONMENTAL RISK. GIVE US A HAND WITH A FREE ECONOMIC CONTRIBUTION, TO START A PREVENTION STRATEGY

MAKE A DONATION

tutti i diritti riservati © www.ecofoodfertility.com